Barbara D’Urso su Instagram

barbara d urso instagram-visibility reseller
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

La casertana Barbara  D’Urso (Carmela è il suo vero nome all’anagrafe) oggi è onnipresente. Qualsiasi siano le circostanze, ovunque ci sia un evento da poter raccontare o qualsiasi cosa possa essere trasformata in una narrazione, non importa quanto a lungo narrabile o oltre quali confini di tempo e di gusto sia possibile trascinarla, lei è lì.

Lì, qui, ovunque, forte dell’onnipresenza che solo i media, vecchi e nuovi che siano, possono consentire. In maniera onnivora, a dir poco vampiresca, la luce che la avvolge come la Madonna di Medjugorje rendendone rarefatti i lineamenti viene irradiata in tutte le case dagli studi televisivi Mediaset.

Ormai neppure gli schermi dei nostri smartphone possono sfuggirle, come e più delle frequenze di Radio Maria. E restando in tema di nomi biblici, se Maria De Filippi è “il cavaliere bianco” delle conduttrici, col suo piglio schietto e materno, Barbara è il “cavaliere nero”… E in questo, è l’amplificatore perfetto di molte tendenze che sono fattori determinanti nel successo su Instagram.

Barbara D’Urso “c’era una volta”

Mai come in questo caso, non sapere affatto chi sia Barbara D’Urso, anche per la generazione social, significa davvero aver vissuto finora su un altro pianeta. Come abbiamo tenuto a spiegare sopra, non c’è modo di sfuggirle. La bella casertana Barbara D’Urso ha sicuramente molto meno a che vedere con la più giovane versione di sé  (sì, è stata più giovane, a dispetto del make up e dell’attività fisica con la quale si mantiene anche in maniera invidiabile oggi) che era partita alla fine degli anni ’70 (quando!?) da “Telemilano 58”, quella che sarebbe diventata la sua “casa”, ossia Canale 5.

Quella ragazza dall’aria ingenua e un po’ provinciale, che cominciò con la moda e, a dispetto della contrarietà del padre (rimase orfana di mamma a 11 anni), intraprese la via del cinema, attraverso una serie di produzioni durante gli anni ’80, posando anche per Play Boy e Play Man, e che nei primi anni di carriera aveva condotto il programma calcistico “Goal” accanto a Diego Abatantuono, sembra oggi ferma solo nelle fotografie che Barbara D’Urso posta sul suo Instagram. Come pure lontana sembra la beniamina del pubblico televisivo degli anni ’90, la sua “Dottoressa Gio”.

Barbara D’Urso e il suo Instagram

Se la Barbara D’Urso prima manienra, per così dire, è “intrappolata” nelle foto d’epoca postate da “Carmelita” sul suo profilo Instagram, un po’ come fosse “Il Ritratto di Dorian Gray”, la conduttrice-influencer di oggi non sembra sentirne troppo la mancanza.

Barbara D'Urso su Instagram- Visibility Reseller

Barbara D’Urso su Instagram- Visibility Reseller

Accedere al suo profilo per la prima volta vuol dire trovarsi davanti alla versione digitale-social “spacchettata” di tutto ciò che è e fa in televisione. L’URL nelle informazioni di profilo porta al suo canale YouTube, “carmelitadurso”, che vanta 9770 iscrittti e una serie di video che raggiungono anche le 100.000 views.

Spicca, ad esempio, una video ricetta per essere sani e in forma come lei, e nel quale Barbara D’Urso è affiancata a un giovane e prestante chef, tale Merluzzo, inspiegabilmente abbigliato col classico grembiule ma a torso nudo… Naturalmente la ricetta in questione vede come materia prima proprio il prodotto ittico “omonimo” del cognome dello chef: e giù battute tra i fornelli su come le persone gli facciano spesso i complimenti… per il merluzzo. Ma torniamo a Instagram.

Barbara D’Urso, un profilo da 2 milioni di utenti!

Avete letto bene, anzi, vi diamo il dato aggiornato esatto: 2.719.156 follower. Considerando le proporzioni col pubblico generalista che lei riesce a catturare e intercettare nella sua presenza quotidiana in TV, si tratta di un risultato strepitoso. Da “Pomeriggio 5” a “Domenica Live”, Barbara D’Urso veste continuamente una serie di panni, o maschere se volete.

Lei è la “donna del popolo” che chiede con l’urgenza di chi non la manda a dire delle risposte per la gente comune, a domande in verità poste male o per niente, fatte e studiate appositamente perché le risposte siano delle condivisibili ovvietà. Al tempo stesso lei è l’amica e confidente dei vip che intervista e che cerca di mettere a nudo.

Con la stessa modalità approccia da “mammina” verso le persone comuni, che sia per rimproverarle (in realtà lasciandole fare) se sono personaggi pittoreschi e grotteschi, condividendo invece le lacrime con chi porta con sé una vera storia di sofferenza e facendo appello, pur di riuscirci, a dotti lacrimali in possesso di nessun altro essere umano. 

Andiamo a curiosare il profilo di Barbara D’Urso!

Certamente non andremo a scartabellare tutte le sue ben 5.709 pubblicazioni, ma una cosa emerge chiaramente. Il feed personale di Barbara D’Urso è lo specchio e l’estensione social del suo smisurato ego.

Se diamo un’occhiata alle stories, ad esempio, possiamo notare quella senza un titolo tranne tre arcobaleni e che scopriamo essere un breve estratto video, ovviamente da una sua trasmissione, in cui risponde a Matteo Salvini (tra i suoi ospiti TV più assidui), evidentemente in merito ai diritti civili delle coppie di fatto, affermando che la famiglia è dove c’è l’amore. Naturalmente tanto impegno va premiato, per cui ecco che nella story accanto possiamo assistere a una “compilation” di caffè alla napoletana, o come dice lei stessa “caffeuccio”.

Ma non pensiate sia finita qui. La story delle stories è “Parlo Io”. Come se il profilo Instagram non fosse suo, Barbara D’Urso fa da “guest di se stessa” ricavandosi un lungo spazio story per mettere assieme letture di titoli di giornali che la incensano e spezzoni di programmi in cui lei stessa si incensa usando la strategia di lodare sempre e solo il pubblico. La quintessenza dell’egomania che, a comprenderne il reale meccanismo, può anche sembrare ciò che è, un “auto-blob”.

Barbara D’Urso e la voglia matta di fare “servizio pubblico” su Instagram

Ma la ciliegina sulla torta dell’Instagram di Barbara D’Urso è proprio tra i suoi post pubblicati più di recente, e che fa perfettamente il paro con l’ormai celeberrimo spazio dedicato in TV a come lavare e igienizzare correttamente le mani, nonché con la sua incessante voglia di rimarcare che il suo incontro perfetto tra trash e dolore sia anche servizio pubblico.

Quindi eccola, in un video da 25777 views, spiegare come, dopo aver letto tanto, abbia capito la differenza tra le varie mascherine. Poteva esimersi dal cogliere l’occasione per un nuovo post che possa essere utile e costruttivo per tutti al fine di divulgare “finalmente” una corretta informazione? Certamente no! Il tutto ha come set quello che crediamo sia il suo bagno, dove spiccano nello sfondo sia un elegante porta-rotoli che una mensola su cui sono riposti diversi smalti di vario colore. Nemmeno Burioni avrebbe saputo fare di meglio…

Bene, dopo avervi detto veramente tutto sul profilo Instagram di Barbara D’Urso, vi lasciamo con uno dei commenti più esaustivi su questo “post divulgativo”: “Ha finito con il video su come lavarsi le mani e ora dopo mesi di covid e quindi mascherine ci vuole insegnare come si indossano 🤦🏻‍♀️🤦🏻‍♀️sei più fuori di un balcone 🤦🏻‍♀️🤦🏻‍♀️🤦🏻‍♀️😭”.

Comunque sia, se l’argomento vi ha incuriositi, potrete scoprire qualcosa di interessante qui.