Shoutout Instagram è il business vincente

shoutout su instagram è il business vincente-visibility reseller
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Se non avete mai fatto shoutout su Instagram, non conoscete un modello di business vincente. Allora, siete in cerca di visibilità sui social? O forse volete creare una community sempre più vasta e far salire l’engagement dei post?

Allora è proprio su IG che dovete andare. Se volete dare valore al vostro talento, ai vostri interessi o al vostro marchio, la risposta è Instagram! Se volete essere presenti nel feed di quante più persone possibile, questo è il vostro posto.

Shoutout Instagram il business vincente. Perché Instagram?

Instagram nacque come social media di intrattenimento. Ciò forse per gratificare un po’ di più la vanità e il desiderio di evasione e spensieratezza delle persone. La cosa è vera soprattutto perché Facebook ha cominciato a diventare man mano sempre più “serioso”. Quando i due network sono stati fusi, si è creata una forbice anagrafica che ha portato a una vera dicotomia fra due pubblici distinti.

Non molto tempo fa, forse in meno di un anno, c’è stata una vera e propria migrazione da Facebook a Instagram di almeno 1 milione di persone!

Un fenomeno massiccio davanti al quale non solo i decisori delle grandi company di comunicazione digitale, ma anche aziende interessate a crescere con una propria brand identity, hanno dovuto riflettere.

Già, perché non solo Instagram ora utilizza gran parte degli strumenti di promozione e analisi dei post sponsorizzati di Facebook. Instagram è diventato ora il luogo di ritrovo dei giovani fino ai 40 anni.

La situazione oggi. Perché scegliere Instagram e lo shoutout Instagram

A seguito di questo netto dualismo creatosi sempre più nettamente nel tempo, oggi la situazione è la seguente. Facebook rappresenta, o almeno viene in larga parte percepito, come la community social degli “over”. Un pubblico in realtà poco avvezzo alla rete, ai suoi strumenti, così come alle sue trappole. Per tale tipo di utenza, il mezzo sembra avere più semplicità e scopo.

Dall’altra parte, invece, abbiamo il popolo di Instagram, i “giovani”, che ora sanno massimizzare l’attitudine innata del network a valorizzare foto e storie brevi anche per monetizzare. Si tratta davvero di un popolo, non è certo un modo di dire. Volete scoprire cosa cela in realtà questa affermazione?

Ebbene, stando agli ultimi dati, ogni giorno, ci sono 800 milioni di utenti attivi su Instagram! Ripetete bene i numeri, perché si tratta di cifre e di proporzioni da far venire la pelle d’oca.

800 milioni… In un solo giorno… Tutti i giorni! Non sta venendo voglia anche a voi di aprire un profilo? Certo, a meno che non siate già tra gli 800, questo è ovvio.

Questo insight fa capire molto bene da sé il ruolo egemone che oggi Instagram ricopre sulla rete, e dunque anche sul mercato che gli gira intorno.

Quale mercato? Le milioni di aziende che nella propria evoluzione digitale, stanno compiendo esattamente questo tipo di salto: dal sito web (magari anche realizzato con mezzi propri e non per forza su client server), a Facebook (il “primo bacio” con i social), infine… su Instagram! Società di profitto che raccolgono soprattutto una ricchezza dai nuovi media: dati e informazioni.

Risulta ormai molto evidente quanto non ci sia tempo da perdere, che bisogna stare al passo e capire quali sono le strategie giuste per sfruttare al meglio il momento. E, al momento, fare shoutout su Instagram è il business vincente!

Shoutout Instagram è il business vincente. Cos’è davvero?

La definizione vera e propria di shoutout si può cominciare a comprendere piuttosto facilmente. La cosa più intuitiva può risultare quella di partire dalla radice della parola. Si tratta del termine inglese shout. 

Questa parola significa “grida” o “gridare”. Questo cosa vi fa pensare subito?

shoutout su instagram è il business vincente-visibility reseller

shoutout Instagram è il business vincente-visibility reseller

Non vi viene forse in mente qualcuno che grida forte per strada, magari annunciando qualcosa… o qualcuno. Un tempo, nell’antichità, queste persone erano chiamate “strilloni”. Ebbene, questo è proprio quello che si fa, anche oggi, proprio nel mondo digitale! Già, perché ognuno di noi fa spesso shoutout, in un certo senso.

L’unica differenza è che spesso lo si mette in pratica senza nemmeno saperlo, tanto è facile. Tutti noi, almeno una volta nella nostra vita da utenti social, siamo stati un po’ quello che si potrebbe definire lo “strillone 3.0”.

Bando ora ai paragoni nostalgici con altre epoche storiche. Lo shoutout è, quasi banalmente, una menzione.

Esattamente questo, nulla di più, nulla di meno. Ecco che, se non voi direttamente, avrete visto sicuramente qualcun altro che seguite, citare all’interno di un proprio post qualche altro profilo Instagram. Il meccanismo è ben presto svelato. Il segreto di questa tecnica, di per sé tanto semplice quanto efficace, è tutto racchiuso in un simbolo…

@ Una strategia tutta in un simbolo. Ecco lo Shoutout Instagram

Arrivati fino a questo punto della lettura, vi sarete certamente resi conto a cosa si allude quando parliamo di simbolo… Proprio lei, la cara vecchia chiocciola! Quell’animaletto che fin dalla nascita della posta elettronica si può a giusta ragione ritenere la mascotte di internet.

Proprio così. Proprio quella stessa chiocciola con la quale possiamo inserire da sempre le tag anche su post oppure fotografie pubblicate attraverso Facebook.

Anche per quanto concerne il suo utilizzo su Instagram, si tratta esattamente di ciò: menzionare il profilo utente di qualcuno. Così, scorrendo un giorno il vostro feed Instagram quotidiano, noterete che un altro account da voi seguito, un influencer o brand di cui siete follower, ha postato un’immagine. Leggerete, in calce al testo, tra i vari hashtag, un qualsiasi @nomeaccount, scritto in questo modo. Quella menzione è shoutout!

Cosa succede se per curiosità andiamo pigiare con il nostro fremente pollice proprio su quel @nomeaccount in blu? Succede che veniamo catapultati come per “magia” proprio all’interno di quel profilo. Chissà, una volta giunti fino a quel punto, potremmo spingerci oltre e sbirciare quell’account, per noi ancora sconosciuto e tutto da scoprire.

Del resto, chi si trova su Instagram non ci si iscrive per caso. Si conoscono bene le regole basilare della comunicazione social. Dunque, è ben noto a ogni “instagramita” che una scritta in blu è una tag, ed ogni tag rappresenta un collegamento a qualcos’altro.

Proviamo a ricapitolare fin qui quanto abbiamo scoperto, procedendo semplicemente per parole chiave, o, se preferite, delle tag che apriranno “collegamenti esterni” nella vostra immaginazione. Citazione, nome di un account che magari ancora non conosciamo, scritta in blu, quindi collegamento, link, che ci conduce a un profilo.

Bene, avete davvero bisogno di ulteriori indizi o suggerimenti di una qualche specie? Avete ormai certamente realizzato perché lo shutout su Instagram sia il business vincente! Tutto è realizzato con semplicità, attraverso un metodo arcinoto e alla portata di chiunque, dal novellino a quello tagliato fuori per gap generazionale, e, soprattutto, economico.

S4S. Scambiarsi shoutout

Gli utenti Instagram che si scambiano shoutout, definiti sinteticamente come S4S, lo fanno, quasi sempre, in maniera assolutamente gratuita. Altri, invece, si tengono d’occhio, quasi come flirtando, per poi contattarsi e definire anche un sistema di scambio a pagamento. Tuttavia si tratta per lo più di uno scambio amichevole e free. 

In definitiva, un metodo semplicissimo di ampliare visibilità e far crescere i propri follower… a vicenda!

Siamo certi a questo punto di avervi dato tutte le dritte che vi servono per fare Shoutout su Instagram.

Se l’argomento vi ha incuriositi, potrete scoprire qualcosa i interessante qui.